Tutti portiamo una maschera (Pirandello)

di Anna Maria Onelli

27 novembre 2019

 

Luigi Pirandello, 1867-1936.

In questa breve frase Luigi Pirandello, ha riassunto la nostra condizione umana. Egli pensava che noi viviamo costantemente un doppio rapporto: quello che abbiamo con gli altri e quello che ognuno di noi ha con se stesso.

Viviamo in una società dove ad ognuno, come in un teatro, è stata assegnata una parte, anche se noi volessimo mostrarci in modo diverso, siamo obbligati a seguire le regole e il ruolo cui la società ci obbliga. Noi tutti, anche se non ce ne rendiamo conto, viviamo portando una maschera dietro la quale nascondiamo le nostre numerose personalità, per questo non possiamo capire né gli altri, né noi stessi. Pirandello, Premio Nobel per la letteratura nel 1934 , drammaturgo, poeta e scrittore, nel suo romanzo “Uno, Nessuno, Centomila”, descrisse così ciò che noi siamo:
UNO perché ognuno di noi ha caratteristiche che ci fanno sentire unici;
CENTOMILA perché dietro la maschera, nascondiamo tante personalità quante sono le persone che ci giudicano;
NESSUNO perché possedendo troppe personalità è difficile che scopriamo la nostra vera identità.

Lascia un commento