Anna Bolena (1501/07 – 1536)

di Anna Maria Onelli

15 febbraio 2019

Anna Bolena

Un amore che cambiò le sorti dell’Inghilterra

Mi ha sempre attratta la storia d’amore di Anna Bolena, nata tra il 1501 e il 1507 in Inghilterra, da una famiglia nobile, che la pose al seguito della regina Caterina d’Aragona .

Anna, conosciuta più per la sua civetteria che per la sua bellezza, ne sedusse il marito, il re d’Inghilterra, Enrico VIII. Intrattenne con lui una relazione che durò ben sette anni, nei quali ella non si concesse mai, pur di farsi sposare. La passione del re divenne così smodata da chiedere alla Chiesa il divorzio, incolpando la moglie Caterina di non avergli dato figli maschi e invalidando il matrimonio, con la scusa che Caterina era già stata la moglie di suo fratello.

 Il Papa Clemente VII impiegò troppo tempo per rispondere alla richiesta di divorzio, così Enrico VIII, nel 1531, sospese i pagamenti delle decime alla Santa Sede e sollevò un terremoto politico e religioso che portò allo scisma anglicano, a seguito del quale: egli fu riconosciuto come capo della Chiesa d’Inghilterra, i futuri figli della Bolena avrebbero potuto succedergli al trono.

Nel 1533, il matrimonio con Caterina fu annullato e il re, annunciando di aver già segretamente sposato Anna, la incoronò regina d’ Inghilterra. Nello stesso anno, lei partorì la futura, grande, regina Elisabetta I.

Sembrerebbe una storia a lieto fine ma … dopo solo tre anni di matrimonio, nel 1536, il re, che già si era invaghito di un’altra, stanco della moglie Anna, che non poteva più dargli altri figli, volle liberarsene: l’accusò di adulterio, d’ incesto e di stregoneria e la fece rinchiudere nella Torre di Londra. Lì, fu decapitata con un colpo di spada.

Aveva appena 29 anni. Solo il giorno prima erano stati uccisi tre suoi presunti amanti e il fratello di lei.
Solo tre giorni dopo, il re Enrico VIII si risposava.

La Chiesa Anglicana è nata così, tra intrighi, passioni e violenza. 

Lascia un commento